• In evidenza •

Co-ord Sets: il Trend modaiolo "matchy matchy" Jolly dell'estate

  Addio crisi di indecisione davanti allo specchio , ecco la tendenza-salvagente per un look last minute impeccabile e super Fashion! Immaginate la scena - ma senza neanche troppo sforzo , so di per certo che la cosa è ben nitida nella mente di ognuna- : assoluto panico , voi dinnanzi allo specchio , magari ancora in pigiama , in preda al " e ora che cosa mi metto ?? ". In auge già da alcuni mesi , possibilmente in lana o simili , arrivano in vostro soccorso loro , gli sfiziosissimi Co-ord Sets. Co-ord che? In soldoni si chiamano così i completi coordinati che costituiscono anzi, cavalcano letteralmente , l'onda della moda del momento , rendendoci istantaneamente pronte per uscire e facendo fiero quell'animo fashionista dentro di noi. Oltre ad essere il suo trend preferito infatti , è anche il prediletto delle ritardatarie croniche che fino all'ultimo secondo rimangono vittime in balìa dell'indecisione più nera , rimandando agli sgoccioli l'ardua scelta d

Haute Concrete di Sabrina Persechino ad AltaRoma AltaModa



Sfila al Maxxi – Museo delle arti del XXI secolo di Roma, la stilista Sabrina Persechino, un background ed una formazione da architetto "prestato alla moda". E non a caso i venticinque capi presentati sono ispirati ai grandi dell'architettura contemporanea : da Zaha Hadid a Jean Nouvel e Renzo Piano. "LA MODA È UN'ARTE CHE GENERA EMOZIONI, FATTA DI TESSUTI, TEXTURE, MATERIALI, FINITURE, TAGLI, CUCITURE, SAPIENTI MANIFATTURE. PROGETTO UN ABITO COME FACCIO PER UN EDIFICIO: PIANTE, PROSPETTI, SEZIONI, PROPORZIONI, TAGLI, LUCI E OMBRE CHE AVVOLGONO LA FIGURA UMANA." dichiara la stilista. E quasi sembra risponderle di rimando, Renzo Piano quando afferma che: "L'architettura è un'arte. Usa tecniche per generare emozioni e lo fa con il proprio linguaggio fatto di spazio, proporzioni, luce e materiale. Per un architetto la materia è come il suono per un musicista o le parole per un poeta."



Fatto sta che dall'incontro diretto con i tre architetti, nasce la nuova collezione Haute Concrete, il cui nome si riferisce al legame simbiotico tra i materiali che, aggregati, compongono gli abiti, intesi come struttura. Haute Concrete, perché la miscela, fatta principalmente di sete e metalli, imita il processo di preparazione del calcestruzzo armato, conglomerato artificiale costituito da una miscela di legante, acqua e aggregati (sabbia e ghiaia) gettato in casseforme di legno con anime di ferro. di S.C.

Commenti