Collezione Prada P/E 2014: la forza delle donne

Un manifesto femminista: si può leggere così la sfilata Prada per la primavera-estate 2014, allestita nella sede di via Fogazzaro a Milano, completamente rivisitata dai murales di sei artisti inseriti nel progetto "In the Heart of the Multitude". Accade così che l'arte contemporanea dei muralisti Miles El Mac Gregor, Mesa, Gabriel Specter e Stinkfish insieme agli illustratori Jeanne Detallante e Pierre Mornet, rappresentino l'idea di femminilità, creando grandi opere che si concentrano sull'immagine dei volti di queste donne. Mentre la stilista Miuccia Prada pensa al loro guardaroba, che esibisce a volte sotto forma di decorazioni, intarsi e ricami, proprio quelle opere d'arte che fanno bella mostra alle pareti della location. Risultato: abiti multicolor e multiculturali resi più che mai contemporanei da dettagli e accenti "active" mixati a dettagli hip-hop tipici delle periferie metropolitane. L'accento è su calzature e calzettoni mutuati dallo sport, ma in questo caso resi speciali dal tocco di macro cristalli swarovski, che si spingono fino ai soprabiti e agli abiti dalla linea geometrica, smorzandone il rigore. Al primo sguardo, ipervisivi e vagamente retrò, per via di colori abbaglianti mixati con un certo gusto barocco. di S.C.

Commenti