• In evidenza •

Humidity Proof di Emsibeth: la soluzione per capelli crespi

Le giornate umide e piovose non saranno più un problema per la nostra piega grazie ad un fantastico alleato: Humidity Proof di Emsibeth uno spray per il finish, che crea uno scudo protettivo a lunga durata contro l’umidità. La nostra piega sarà sempre bella e in forma grazie a questo spray antistatico e anti-crespo che non appesantisce il capello ed è perfetto come ultimo tocco prima di uscire. L'azienda Emsibeth è totalmente made in Italy with Love, perché si prende cura dei capelli di ogni donna, investe in innovazione e ricerca, tecnologia, per risaltare la bellezza di ogni donna. Provando Humidity Proof per tutto l'inverno ho potuto toccare con mano la sua efficacia ed è diventato per me un “must have” quotidiano, perfetto con clima umido, nelle giornate di nebbia e maltempo dell'inverno e anche per il clima piovoso primaverile in arrivo: mantiene protetto il mio styling con effetto immediato. Grazie a questo potente alleato ho ottenuto comodità, praticità ed efficaci…

Collezione Moschino primavera estate 2014: la sfilata celebrativa dei 30 anni del marchio

L'occasione è di quelle uniche e speciali come la celebrazione dei 30 anni della Maison Moschino. Per rendere omaggio al suo fondatore Franco Moschino, l'attuale direttore creativo del marchio Rossella Jardini, riprende sulla passerella i temi cari allo stilista, quelli che maggiormente hanno influenzato la sua visione estetica resi attraverso un'ironica "messa in scena". Che vede protagoniste tra le altre, quattro modelle care allo stilista che esibiscono in apertura altrettante creazioni d'archivio: Pat Cleveland (abito bustier con mucca tricolore, autunno/inverno 85/86), Violeta Sanchez (cappotto orsetti, autunno/inverno 88/89), Amalia (abito bandiera, primavera/estate 90) e Giselle Zelany (abito spazzatura, primavera/estate 94).
Rossella Jardini con modelle in abiti d'archivio 

 Accade così che capi di ieri e di oggi giochino sulla doppia anima della donna contemporanea: "good girl" o "bad girl", buona o cattiva in definitiva. Differenti personalità dalla cameriera, alla biker, alla suora contribuiscono così a mettere l'accento su un dualismo anche creativo che alterna lo stile street all'attitudine bon-ton. Mettendo l'accento sui capi iconici del marchio: il chiodo a forma di cuore o punteggiato da borchie, i ricami di perle sugli abiti leggeri, le giacche in lana bouclé con maxi-zip e catene.
di S. C.



Commenti