• In evidenza •

SUMMER "New Collection 2024" DIOR

Quest’estate, la collezione makeup della Maison Dior si arricchisce di nuance vivaci e pastello immaginate da Peter Philips, Direttore Creativo e dell’Immagine del Make-Up Dior. La nuova selezione ti invita a partire per un’idilliaca vacanza estiva nel segno della dolcezza e dell’evasione. Dior presenta i suoi must-have estivi per un colorito luminoso: il fondotinta Forever Skin Glow, l’illuminante liquido Dior Forever Glow Max e la terra Dior Forever Natural Bronze Glow in edizione limitata, impreziosita da un motivo cannage preso in prestito dall’universo couture Dior. In Dior, le idee si trasformano in creazioni che accompagnano l’alternarsi delle stagioni. Dal make-up a tutto colore di Peter Philips, perfetto per qualsiasi stile, alle carismatiche fragranze di Francis Kurkdjian fino ai trattamenti ultra-performanti che non scendono a compromessi sulla sensorialità. l 1° illuminante liquido targato Dior Forever, autentico concentrato di luce in un flacone, illumina l’incarnato subli

XMAS BEAUTY POST: "Come si festeggia il Natale nel Mondo?"

 


Il Team e la Redazione di IdeeBeauty vi dà il benvenuto nel consueto countdown di Natale! Per tutto il mese di dicembre troverete articoli a tema festivo natalizio con spunti per idee regalo, coccole per se stessi o pensieri positivi motivazionali. Seguite i "XMAS BEAUTY POST"!


Il nostro viaggio natalizio inizia domandandoci: Come si festeggia il Natale nel Mondo? Scopriamo insieme le curiose e affascinanti tradizioni che investono di positività e allegria il nostro pianeta. Perchè ricordatevi...Christmas is all around.





GERMANIA


In Germania, il 6 dicembre si festeggia "Sankt Nikolaus". I Tedeschi, si sa, sono attratti dalle tradizioni e dalle feste e ogni spunto è un motivo in più per festeggiare e stare insieme. Il 6 dicembre in Germania (ma anche in altri paesi nordici come l’Olanda), cascasse il mondo, si festeggia Nikolaus, in “barba” al Babbo Natale nostrano. La sera del 5 dicembre, i bambini tedeschi, tirano a lucido vecchi scarponi o rubano i calzettoni della nonna, per appenderli fuori dalla porta di casa, in attesa che Nikolaus li riempia di cioccolatini e doni a lungo desiderati. Ovviamente se sono stati buoni! Per i bimbi che non si sono comportati bene arriva "Knecht Ruprecht", una specie di Babbo Natale vestito di nero che lascia al posto dei regali una frusta. Un ultimatum che significa: bimbo, o ti comporti bene o a Natale Knecht Ruprecht tornerà per portarti via nel suo sacco!




RUSSIA


In Russia, Il Natale ortodosso cade ufficialmente il 7 gennaio che corrisponde al 25 dicembre del Calendario giuliano, che è quello tuttora adottato dalla Chiesa russa e che differisce da quello Gregoriano occidentale!L'Avvento dura 40 giorni, avendo inizio il 28 novembre e terminando il 6 gennaio. L'intero periodo natalizio si conclude poi il 13 gennaio, la data del "Vecchio Capodanno", o "Capodanno ortodosso". La cena della vigilia inizia solo dopo che la prima stella è comparsa nel cielo ad annunciare l’imminente nascita del Cristo. La tradizione vuole che ci siano 12 diversi piatti in onore degli apostoli di Cristo ma non prevede l’uso di  carne. Per gli Ortodossi più ferventi, alcol, pesce e oli vegetali non sono ammessi mentre in altre famiglie si beve il vino rosso ma sono banditi i liquori. Il pasto per i credenti inizia con la preghiera al Signore condotta dal capofamiglia maschio mentre la mamma benedice tutti i partecipanti tracciando una croce con del miele sulla fronte degli astanti. Altra curiosità...dopo cena i piatti non si lavano e si aprono i regali, dopodiché tutta la famiglia va a messa.



ARGENTINA


Il Natale in Argentina è particolarmente sentito… e insolito perché l’Argentina è uno di quei Paesi, come il Brasile , in cui il 25 Dicembre è piena estate! Uno degli inconvenienti del festeggiare il Natale con la bella stagione è la mancanza di abeti…che non resisterebbero comunque a quelle temperature addobbato per 15 giorni con tanto di lucine. Ci si organizza quindi addobbando a festa piccole palme  ed in cima a questi alberelli di solito si mette un bel babbo natale sorridente! Tradizione tipicamente del Sud America, rappresentare Babbo Natale sorridente. 





GIAPPONE


Il Natale in Giappone non è festa nazionale e quindi le scuole e gli uffici sono generalmente aperti. Il periodo natalizio è però abbastanza sentito dalla popolazione giapponese, anche se in modo differente rispetto all’occidente. Il Natale è visto dai giapponesi come un periodo di felicità diffusa piuttosto che una celebrazione religiosa. I24 dicembre è considerata una festa per gli innamorati e per le famiglie con bambini piccoli; le coppie vanno a cena fuori, soprattutto al ristorante italiano o francese, ma c’è anche un altro modo di festeggiarlo, ossia andando a mangiare pollo frittoOltre al pollo fritto, un altro cibo tipico di natale è la Christmas Cake, ossia una semplice torta di pan di spagna con panna montata e decorata con fragole e immagini di Babbo Natale.

Inoltre anche in Giappone è tradizione scambiarsi un regalo, ma solo tra gli innamorati. Babbo Natale viene chiamato dai giapponesi Santa-San (サンタさん), in quanto hanno importato questa festa dagli Stati Uniti.




Chiara Del Vecchio




Commenti