• In evidenza •

HAPPY POST: "Healthy Challenge"

Siete pronti per iniziare una sfida salutare? Dato il tempo libero che si ha a disposizione in momento, perchè non fare una sfida con se stessi e cercare di migliorarsi? Non vedetela esclusivamente come una "sfida", bensì come una cosa da fare ogni giorno per portare avanti l’anno in modo sano e attivo. Non si tratta solo di curare il corpo ma anche la mente.  Cosa di fondamentale importanza, non si tratta di una dieta, semplicemente uno stile di vita più salutare. Quindi se sei una persona sportiva o attenta alla linea, troverai la seguente challenge inutile. Questo articolo è una spinta per le persone pigre,  in sovrappeso o magre ma poco attive di natura. Il rapporto che abbiamo con il cibo condiziona la nostra vita, la nostra salute, il modo in cui ci rapportiamo con noi stessi e con gli altri. Il rapporto che abbiamo con il cibo ci può rendere persone libere o persone dipendenti. E di conseguenza la nostra alimentazione può influenzare vari aspetti della nostra vita, come l…

SALUTE: "Mal di Testa? Attenzione al caffè"



Secondo uno studio americano, infatti, chi beve più di 3 tazzine di caffè al giorno, ha più possibilità di soffrire di un attacco di emicrania.
Chi soffre di emicrania episodica se beve 2 tazzine di caffè non ha problemi, ma se in un giorno consuma la quantità di caffeina presente in 3 tazzine ha molte possibilità di concludere la giornata con il mal di testa. Lo studio, effettuato dal Beth Israel Deaconess medical center di Boston (Usa) e da altri ospedali americani, ha anche dimostrato che lo stesso problema si ha se si consumano altre bevande che contengono caffeina.


La sostanza principale del caffè può aiutare anche a controllare i sintomi del mal di testa: tutto dipende dalla quantià, come dimostra lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “American journal of medicine”. L’indagine scientifica ha preso in considerazione 98 adulti con frequenti episodi di emicrania. Ai volonotari è stato chiesto di compilare un diario elettronico, dove dovevano scrivere l’ora e la quantità di alimenti contenenti caffeina che consumavano ogni giorno. Nell’elenco, oltre al caffè comparivano anche tè, alcune bibite gassate ed energy drink, inoltre dovevano essere segnati tutti gli attacchi di cefalea e i sintomi correlati.


Chi superava la dose delle tre “porzioni” di caffeina aveva più probabilità di soffrire nel giro di poco tempo di emicrania. Per gli scienziati, però, sono necessari ulteriori studi per confermare questo risultato, anche se è un passo importante per indagare il ruolo del caffè come fattore scatenante del mal di testa.


Chiara Del Vecchio

Commenti