• In evidenza •

Co-ord Sets: il Trend modaiolo "matchy matchy" Jolly dell'estate

  Addio crisi di indecisione davanti allo specchio , ecco la tendenza-salvagente per un look last minute impeccabile e super Fashion! Immaginate la scena - ma senza neanche troppo sforzo , so di per certo che la cosa è ben nitida nella mente di ognuna- : assoluto panico , voi dinnanzi allo specchio , magari ancora in pigiama , in preda al " e ora che cosa mi metto ?? ". In auge già da alcuni mesi , possibilmente in lana o simili , arrivano in vostro soccorso loro , gli sfiziosissimi Co-ord Sets. Co-ord che? In soldoni si chiamano così i completi coordinati che costituiscono anzi, cavalcano letteralmente , l'onda della moda del momento , rendendoci istantaneamente pronte per uscire e facendo fiero quell'animo fashionista dentro di noi. Oltre ad essere il suo trend preferito infatti , è anche il prediletto delle ritardatarie croniche che fino all'ultimo secondo rimangono vittime in balìa dell'indecisione più nera , rimandando agli sgoccioli l'ardua scelta d

SALUTE: "Mal di Testa? Attenzione al caffè"



Secondo uno studio americano, infatti, chi beve più di 3 tazzine di caffè al giorno, ha più possibilità di soffrire di un attacco di emicrania.
Chi soffre di emicrania episodica se beve 2 tazzine di caffè non ha problemi, ma se in un giorno consuma la quantità di caffeina presente in 3 tazzine ha molte possibilità di concludere la giornata con il mal di testa. Lo studio, effettuato dal Beth Israel Deaconess medical center di Boston (Usa) e da altri ospedali americani, ha anche dimostrato che lo stesso problema si ha se si consumano altre bevande che contengono caffeina.


La sostanza principale del caffè può aiutare anche a controllare i sintomi del mal di testa: tutto dipende dalla quantià, come dimostra lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “American journal of medicine”. L’indagine scientifica ha preso in considerazione 98 adulti con frequenti episodi di emicrania. Ai volonotari è stato chiesto di compilare un diario elettronico, dove dovevano scrivere l’ora e la quantità di alimenti contenenti caffeina che consumavano ogni giorno. Nell’elenco, oltre al caffè comparivano anche tè, alcune bibite gassate ed energy drink, inoltre dovevano essere segnati tutti gli attacchi di cefalea e i sintomi correlati.


Chi superava la dose delle tre “porzioni” di caffeina aveva più probabilità di soffrire nel giro di poco tempo di emicrania. Per gli scienziati, però, sono necessari ulteriori studi per confermare questo risultato, anche se è un passo importante per indagare il ruolo del caffè come fattore scatenante del mal di testa.


Chiara Del Vecchio

Commenti