• In evidenza •

SKINCARE: "Karbonoir"

Il marchio sloveno Karbonoir è sinonimo di cosmetici naturali di altissima qualità, composti esclusivamente da ingredienti accuratamente selezionati. La base delle loro ricette è il carbone attivo derivato dai gusci di cocco puri e non trattati, finemente triturati. Poiché il carbone attivo è caricato negativamente, lega le molecole positive come veleni e gas, eliminandoli dal nostro corpo!
Saponetta Artigianale con Carbone Attivo e Olio di CoccoPulisce i pori della pelle e dona freschezza. Ideale per la pelle normale e grassa. Rimuove le impurità. Delicata ed efficace. Questo sapone con carbone attivo e olio di cocco è adatto alla pelle normale e grassa, che è più soggetta a macchie, punti neri e acne. Non ha alcuna influenza sul pH naturale della pelle ed è adatto a donne, uomini e bambini.

Carbone Attivo per lo Sbiancamento dei DentiLa formula naturale per l'igiene dentale. Il carbone attivo Karbonoir non contiene ingredienti sintetici ed è quindi un rimedio completamente natural…

BEAUTY: "Decluttering Trucchi e Pennelli"

Anche i prodotti di bellezza hanno bisogno di una revisione, con una certa frequenza, per altro. Per non rischiare problemi alla pelle!




Sistemiamo cassetti e scrivanie, armadi e persino solai. E il beauty case? Non dimentichiamolo!
Con il disordine si perde tempo alla ricerca di quello non si trova oppure che non funziona come dovrebbe.
Ma è importante tenere ordine anche per una questione di sicurezza dal momento che prodotti scaduti, lasciati aperti da tempo o mal conservati possono essere veicolo di batteri che passando sulla pelle finiscono per creare una serie di fastidiosi problemi.

MAKEUP



Fare decluttering vuole dire innanzitutto buttare tutto quanto è rotto, non si usa, non piace nel colore, non soddisfa, dà fastidio quando lo si applica. E la lista in questo senso potrebbe essere lunghissima. Di quello che si tiene va controllata la data di scadenza che è presente per legge sui prodotti che hanno una durata inferiore ai trenta mesi.
Per tutti gli altri il riferimento è il PAO, il periodo di utilizzo dopo l’apertura indicato con il simbolo di una scatola aperta e un numero: va da sé che per sapere quando buttare un prodotto sarebbe sempre opportuno, al primo utilizzo, annotare la data di apertura sul prodotto stesso o con un appunto.
E poi vai con il buon senso, e con il buon fiuto. Qualsiasi cambiamento di odore, colore e consistenza, la presenza di macchie oppure di zone poco omogenee è un segnale di deterioramento che suggerisce di buttare il prodotto. In tutti i casi è bene considerare che i cosmetici in polvere, che non contengono acqua, hanno una durata maggiore di emulsioni, creme e gel. In sostanza ciprie, blush, terre e ombretti durano sicuramente di più di mascara, fondotinta, BB, creme colorate e rossetti.


PENNELLI & SPUGNETTE



Vanno puliti almeno una volta ogni quindici, venti giorni con acqua tiepida e un detergente delicato perché da un lato possono veicolare batteri ma anche perché un pennello sporco crea una pellicola untuosa sulla superficie delle polveri rendendo più difficile il loro utilizzo.
Dopo il lavaggio attenzione a far asciugare con cura la setole: umide fanno macchia rovinando il trucco e diventano terreno in cui i microbi proliferano. Ovvio infine che pennelli e spugnette vanno sostituiti ai primi segni di deterioramento perché non fanno più il loro dovere.


Chiara Del Vecchio

Commenti