• In evidenza •

LIFESTYLE: "Candele...quale scegliere?"

  Le candele profumate sono davvero un must per l'inverno. Non solo oggetti di arredo e decoro, ma anche un toccasana per la mente e i pensieri. Scopri come scegliere quella giusta per te. Qualche  candela profumata  trasforma anche la casa più vuota in un ambiente accogliente e caldo. Ne esistono però tantissime, con tanti profumi ed effetti benefici diversi. Abbiamo selezionato le migliori e abbiamo scoperto che posizionarle in punti diversi della casa  aiuta la mente  sotto molti aspetti. Candela vaniglia e cannella Una dolce nota  zuccherata  nella nostra casa! Questa candela è l'epilogo perfetto per una giornata di corsa e ricca di impegni. Posizionatela  all'ingresso  o nei vani fra le stanze: il suo dolce profumo avvolgerà l'ambiente domestica in pochi minuti regalandovi una casa al sapore di dessert. Questa candela aiuta il  rilassamento dei pensieri  e fa tirare un gran sospiro di calma e pace una molte ore passate fuori casa. Il suo colore ambra la intona con

Quelle carezze che allontanano i dolori delle donne



Non fanno soltanto bene alla schiena. Le manipolazioni del chiropratico sanno migliorare anche le mestruazioni difficili. Andare dal chiropratico per il mal di collo o la lombalgia e uscire senza dolori mestruali. Strano? Niente affatto. Molte pazienti si sorprendono quando si rendono conto di non soffrire più di dismenorrea dopo un ciclo di trattamenti per il mal di schiena. In realtà c’è un rapporto diretto tra la colonna vertebrale e gli organi interni, perché la struttura scheletrica influisce sulla loro funzionalità attraverso i nervi spinali che fuoriescono all’altezza delle vertebre. Normalmente sistema nervoso, muscoli e ossa lavorano in armonia, ma bastano una caduta o un colpo per causare blocchi lungo la colonna che si ripercuotono su utero e ovaie, provocando la dismenorrea, che a volte può dipendere anche da una gravitanza o da un parto difficili, perché l’assetto del bacino viene modificato.

In pratica si verifica quella che i chiropratici chiamano sublussazione, cioè un piccolissimo spostamento delle vertebre, spesso invisibile alle radiografie, ma sufficiente per dare dolore o disfunzioni. Anche se è la parte lombosacrale a comunicare direttamente con l’apparato genitale, gli squilibri possono verificarsi in un punto qualsiasi della colonna, a livello del bacino o, addirittura, della zona cervicale. Il chiropratico (che è un professionista sanitario laureato e riconosciuto dalla nostra legge) lavora esclusivamente con le proprie mani. Durante la visita individua i punti critici e, poi interviene con manipolazioni rapide e precise, ma non dolorose, che riallineano le vertebre. Di solito basta un ciclo di sei-dieci sedute per risolvere il problema. A volte i chiropratici indirizzano le pazienti dal ginecologo perché dopo averle visitate possono sospettar ehce le pazienti possano soffrire di un disturbo della sfera genitale. Capita, infatti, che un mal di schiena possa essere la spia di un problema dovuto all’endometriosi o alle cisti ovariche.

Commenti