• In evidenza •

CAPELLI: "SOS Capelli Crespi"

SOS CAPELLI CRESPI...SOLUZIONI? Scopriamolo insieme!

In estate, complici l’umidità, il sudore, i tuffi in mare, è facile che le chiome si increspino perdendo morbidezza e luce. La colpa, si sa, è tutta dell’umidità che soprattutto nei giorni più caldi arriva a livelli molto alti, al mare come in città. I ricci diventano indomabili e perdono di tono, il liscio si increspa e dimentica il suo aplomb perfetto, la chioma manca subito di lucentezza.

La regola d’oro per combattere l’effetto crespo durante l’asciugatura dei capelli? Prendersi il giusto tempo: il getto di aria va mantenuto lungo il fusto dei capelli, dalle radici alle punte, utilizzando sempre il beccuccio che aiuta a sigillare le cuticole e ottenere dei capelli perfettamente levigati, lucenti e senza alcun effetto crespo.  Serve la spazzola giusta per tenere a bada il crespo. Deve avere le setole in nylon, le uniche che riescono a combattere l’umidità, assicurano morbidezza e lucentezza e permettono che gli oli naturalmente presen…

Quelle carezze che allontanano i dolori delle donne



Non fanno soltanto bene alla schiena. Le manipolazioni del chiropratico sanno migliorare anche le mestruazioni difficili. Andare dal chiropratico per il mal di collo o la lombalgia e uscire senza dolori mestruali. Strano? Niente affatto. Molte pazienti si sorprendono quando si rendono conto di non soffrire più di dismenorrea dopo un ciclo di trattamenti per il mal di schiena. In realtà c’è un rapporto diretto tra la colonna vertebrale e gli organi interni, perché la struttura scheletrica influisce sulla loro funzionalità attraverso i nervi spinali che fuoriescono all’altezza delle vertebre. Normalmente sistema nervoso, muscoli e ossa lavorano in armonia, ma bastano una caduta o un colpo per causare blocchi lungo la colonna che si ripercuotono su utero e ovaie, provocando la dismenorrea, che a volte può dipendere anche da una gravitanza o da un parto difficili, perché l’assetto del bacino viene modificato.

In pratica si verifica quella che i chiropratici chiamano sublussazione, cioè un piccolissimo spostamento delle vertebre, spesso invisibile alle radiografie, ma sufficiente per dare dolore o disfunzioni. Anche se è la parte lombosacrale a comunicare direttamente con l’apparato genitale, gli squilibri possono verificarsi in un punto qualsiasi della colonna, a livello del bacino o, addirittura, della zona cervicale. Il chiropratico (che è un professionista sanitario laureato e riconosciuto dalla nostra legge) lavora esclusivamente con le proprie mani. Durante la visita individua i punti critici e, poi interviene con manipolazioni rapide e precise, ma non dolorose, che riallineano le vertebre. Di solito basta un ciclo di sei-dieci sedute per risolvere il problema. A volte i chiropratici indirizzano le pazienti dal ginecologo perché dopo averle visitate possono sospettar ehce le pazienti possano soffrire di un disturbo della sfera genitale. Capita, infatti, che un mal di schiena possa essere la spia di un problema dovuto all’endometriosi o alle cisti ovariche.

Commenti