• In evidenza •

MODA: "Prepariamoci per l'inverno con i Capispalla"

Nonostante le temperature calde di 30° a settembre...l'autunno è alle porte. Vista la stagione incerta, occorre attrezzarsi con i giusti capispalla, in base ai giorni. Non ci sono più le mezze stagioni, difatti si passa dal sentire caldo al sentire freddo. E' raro trovare lunghi periodi con un clima mite. Il vostro armadio ne risente e bisogna correre ai ripari. Di seguito troverete una selezione di capi dai più leggeri ai più pesanti, ricordandovi che l'autunno inizia il 21 Settembre e termina il 21 Dicembre! GIACCHETTO DI JEANS Iniziamo con un grande must-have, ovvero il giacchetto di jeans. Ideale per le belle giornate autunnali, capo versatile che si può indossare con una semplice t-shirt oppure optare per un dolcevita leggero. Di gran moda le giacche con inserti in felpa o tessuto a fantasia e applicazioni varie, dalle borchie alle paillettes! Ultimo appunto...meglio se dal taglio crop. BIKER Altro capo d'obbligo, che dovrebbe far parte di ogni guardaroba: il chiod

Quelle carezze che allontanano i dolori delle donne



Non fanno soltanto bene alla schiena. Le manipolazioni del chiropratico sanno migliorare anche le mestruazioni difficili. Andare dal chiropratico per il mal di collo o la lombalgia e uscire senza dolori mestruali. Strano? Niente affatto. Molte pazienti si sorprendono quando si rendono conto di non soffrire più di dismenorrea dopo un ciclo di trattamenti per il mal di schiena. In realtà c’è un rapporto diretto tra la colonna vertebrale e gli organi interni, perché la struttura scheletrica influisce sulla loro funzionalità attraverso i nervi spinali che fuoriescono all’altezza delle vertebre. Normalmente sistema nervoso, muscoli e ossa lavorano in armonia, ma bastano una caduta o un colpo per causare blocchi lungo la colonna che si ripercuotono su utero e ovaie, provocando la dismenorrea, che a volte può dipendere anche da una gravitanza o da un parto difficili, perché l’assetto del bacino viene modificato.

In pratica si verifica quella che i chiropratici chiamano sublussazione, cioè un piccolissimo spostamento delle vertebre, spesso invisibile alle radiografie, ma sufficiente per dare dolore o disfunzioni. Anche se è la parte lombosacrale a comunicare direttamente con l’apparato genitale, gli squilibri possono verificarsi in un punto qualsiasi della colonna, a livello del bacino o, addirittura, della zona cervicale. Il chiropratico (che è un professionista sanitario laureato e riconosciuto dalla nostra legge) lavora esclusivamente con le proprie mani. Durante la visita individua i punti critici e, poi interviene con manipolazioni rapide e precise, ma non dolorose, che riallineano le vertebre. Di solito basta un ciclo di sei-dieci sedute per risolvere il problema. A volte i chiropratici indirizzano le pazienti dal ginecologo perché dopo averle visitate possono sospettar ehce le pazienti possano soffrire di un disturbo della sfera genitale. Capita, infatti, che un mal di schiena possa essere la spia di un problema dovuto all’endometriosi o alle cisti ovariche.

Commenti