Idee Viaggio: Consigli per il primo Cicloviaggio


Questa primavera abbiamo scelto un modo nuovo (per noi) di viaggiare, abbiamo scelto un modo più lento, più rilassante e più ecologico: un cicloviaggio. La destinazione era nella nostra mente già da un anno, ma solo in primavera ci è sembrata realizzabile: visitare la valle della Loira e tutti i fantastici chateau che rendono questa regione nel cuore della Francia un vero “bosco incantato delle favole”.

Per leggere il nostro breve diario di viaggio cliccate qui (a breve).

In questo articolo vi racconteremo la nostra esperienza di organizzazione del viaggio, dei nostri mezzi, delle difficoltà incontrate nel trasporto e in tutte quelle piccole esperienze che abbiamo sperimentato da novelli cicloviaggiatori.

Parlando di cicloviaggio la prima cosa da prendere in considerazione è la nostra bicicletta, ci sono tanti modi di intendere questo mezzo meccanico quanti i ciclisti sparsi per il mondo. Dunque non ci sono regole e ogni bici è ammessa per poter godere di qualche giorno di relax visitando posti meravigliosi.

La Loira è molto attrezzata per ospitare i cicloviaggiatori, ci sono numerosi servizi destinati a questa categoria di viaggiatori “green”:

• Il più utilizzato è certamente il servizio di NOLEGGIO della bicicletta, la comodità di questo servizio è di evitare la scomodità e il costo del trasporto della bici in aereo/treno per arrivare a destinazione, il suo punto debole è nell’utilizzare, magari per molti chilometri, una bici non perfetta per la nostra fisionomia. Alcuni servizi permettono di consegnare la bici in un luogo diverso da quello in cui si è noleggiata, questo è molto utile in caso in cui il nostro viaggio non sia un anello circolare.

• Altro servizio molto comodo è il BAG DROP, in genere è un servizio acquistabile in numerosi pacchetti di agenzie di viaggio o organizzatori di cicloviaggio, consiste nel trasporto dal punto di partenza al punto di arrivo dei bagagli, evitando, così di doverli caricare sulla nostra bici alleggerendoci quindi durante il viaggio.

Questi servizi possono agevolare il viaggio di chi ama tutti i comfort ma noi avevamo deciso di vivere in maniera completa il nostro viaggio con le nostre bici. A proposito di bici, come vi ho accennato in precedenza, non c’è limite, o quasi, alla scelta della vostra bici potete utilizzare la vecchia bici da passeggio di vostro nonno, la mountain bike acquistata al centro commerciale o la bici pieghevole che usate per i vostri spostamenti in città. Giusto un paio di consigli prima di inforcare la vostra bici e iniziare l' avventura:
1) In base alla destinazione del vostro viaggio potrebbe essere utile avere una bici dotata di cambio per poter variare il rapporto in caso di salite, una buona regola è di prevedere un rapporto più leggero di quello usato in città per permettervi di avanzare anche con un peso superiore a quello a cui siete abituati a trasportare in bici (bagaglio, spesa al supermercato ecc.) e di non stancarvi quando passerete molte ore seduti in sella.
2) Un abbigliamento e una sella ben collaudate. Non cedete alla tentazione di acquistare qualche fantastico prodotto nuovo poco prima di partire per il vostro viaggio, programmate questi acquisti diversi mesi prima e testateli per molti km prima di essere certi che facciano al caso vostro e date modo e tempo al vostro corpo di abituarsi a ciò che indossate (scarpe, guanti, pantaloncini, sella, manubrio ecc.).
3) Bagagli: sono necessari per portarvi dietro tutto l’occorrente. Un consiglio molto importante è quello di cercare di caricare la maggior parte (o meglio la totalità) dei vostri bagagli sulla vostra bicicletta e non dentro zaini. Questo vi alleggerirà il viaggio e vi permetterà di godervi maggiormente la vacanza. Esistono diversi tipi di borse da bici e non tutte si adattano a tutte le biciclette. Possiamo dividerle in due grandi categorie: borse da telaio e borse da agganciare ai portapacchi. Le prime attraverso strap, velcro e cinghie si legano direttamente al telaio, sotto la sella e sul manubrio. Queste borse hanno diversi vantaggi, tra i quali, essere molto leggere, non necessitare di alcun portapacchi per poterle portare con voi ed essere adattate a più bici in vostro possesso; generalmente però non sono molto capienti (in genere con questa soluzione che vedete in foto comprensiva di borsa sottosella, borsa da telaio e borsa da manubrio si arriva a una capacità di 30-35 litri, considerate che un bagaglio a mano da portare in aeroporto è in genere 40 litri). Altra grande categoria di borse da viaggio sono le borse da agganciare ai portapacchi: il loro più grande pregio è nella capienza (si possono raggiungere anche capienze di oltre 100 litri), possono essere trasportate tende, sacchi a pelo e abbigliamento per moltissimi giorni di viaggio. Ovviamente tutto ciò ha un peso ed è questo il fattore negativo principale di questa tipologia di soluzione da viaggio.
4) Ultimo consiglio riguardante la bicicletta è di controllare attentamente lo stato di usura dei pneumatici, della catena, delle corone e dei pignoni della trasmissione e dei pattini dei freni. Cerchiamo di limitare il più possibile i guasti meccanici durante il viaggio e qualora essi si presenteranno (il più comune è la classica foratura) non facciamoci cogliere impreparati: portiamo con noi sempre almeno 1 camera d’aria, alcune toppe, una pompa e gli stallonatori per sganciare il copertone dal cerchio. Ovviamente alleniamoci in garage a cambiare una gomma e non impariamo a farlo lungo una strada polverosa in terra straniera per non rendere un piccolo inconveniente qualcosa di molto stressante :)

Per quanto riguarda l’organizzazione del nostro viaggio tra i castelli della Loira, avendo deciso di portare con noi le nostre bici da corsa abbiamo optato per il trasporto in treno. Ci sono diversi treni TGV che partono da Milano P.ta Garibaldi e Torino P.ta Susa ogni giorno con destinazione Parigi, il viaggio dura 7 ore (da Milano) ma il paesaggio che si attraversa è davvero suggestivo (è la nostra prima volta a Parigi in treno!). Tutti i treni ad alta velocità (compresi i nostri Freccia Rossa/Argento e Italo), non consentono il trasporto della bicicletta completamente montata. E’ dunque necessario smontare entrambe le ruote, legarle al telaio con un nastro o delle fascette plastiche e riporre la bici in un borsone. Ne esistono di specifici per bici da prezzi che variano dai 30 ai 200 euro in base alla protezione che offrono. In treno, non è necessario avere con se borsoni molto imbottiti in quanto caricherete voi stessi le bici sul treno e le poggerete negli appositi bagagliai posti nei corridoi di collegamento tra i vari vagoni. Il trasporto della bici è gratuito e vi consiglio di lasciare al deposito bagagli della stazione le borse con cui avete trasportato le bici per evitare di portarle con voi (il prezzo è di circa 5 euro al giorno).
Il trasporto sui treni locali francesi invece è sempre garantito ed è possibile accedere anche con la bici montata (servizio sempre gratuito). I trenini locali che viaggiano lungo la loira hanno il pianale basso, privo di scalini e permette l’accesso alla bicicletta senza doverla sollevare!!
Il trasporto in aereo invece richiede delle attenzioni maggiori, imballate per bene le vostre amate biciclette con materiale imbottito e scotch da imballaggio per evitare che i numerosi scossoni del trasporto e delle operazioni di stivaggio danneggino il vostro mezzo di locomozione!

Spero di essere stato utile a coloro che ancora non hanno pensato a questa forma di viaggio e di non aver annoiato troppo coloro che hanno già viaggiato in lungo e in largo in sella al proprio destriero …ops bici!
Per qualunque domanda, intervento o riflessione commentate!

Buone Pedalate!
GM

Commenti