La natura amica della linea: le piante brucia grassi

Le feste di Natale sono terminate da un po' ma c'hanno lasciato addosso i segni degli stravizi alimentari; chi non ha preso almeno 2kg durante le feste? Niente panico! Il segreto per tornare in forma è sempre lo stesso: alimentazione sana e attività fisica. Ma un aiuto per la nostra linea può arrivare anche dalla natura: sono infatti numerose le piante che contribuiscono ad accellerare il metabolismo e bruciare i grassi, così da permetterci di tornare al peso forma in maniera più rapida. 

ANANAS



L'ananas deve il suo consumo a Cristoforo Colombo che nel 1493 la portò in Europa. Appartenente alla famiglia delle Bromeliaceae, questo frutto contiene la bromelina, un enzima in grado di accelerare il metabolismo. 





TE VERDE CINESE  
Ottenuto dai germogli delle foglie e dalle foglie giovani della "camellia sinensis", favorisce l’accelerazione dei processi metabolici ovvero stimola il consumo di grassi rendendo quindi il dimagrimento più rapido. 



CHITOSANO  


E' una sostanza naturale di origine marina contenuta nel guscio dei crostacei. Il suo merito è quello di legarsi ai grassi degli alimenti ma anche al colesterolo e ai trigliceridi, limitandone l’assorbimento . Per questo motivo è utilizzato in caso di obesità, ipercolesterolemia e concentrazione plasmatica di trigliceridi elevata.  



ALGA BRUNA 


Appartenente alla famiglia delle fucacee, l’alga è utilizzata soprattutto per il suo contenuto in iodio al quale vengono attribuite proprietà ''dimagranti'' e ''anticellulite''. Lo iodio è infatti uno stimolante metabolico e pertanto risulta essere un valido aiuto quando si ha intenzione di dimagrire.





RHODIOLA ROSEA 


Cresce nelle aree montane e fredde e aiuta chi ha un metabolismo rallentato; è in grado infatti di stimolare alcune lipasi che accelerano la demolizione dei grassi dai tessuti. La Rodiola inoltre alza i livelli di serotonina la quale abbassa i livelli di grasso nei tessuti, dona senso di sazietà, allevia e controlla la fame ansiosa.





FENIA DI PIETRO

Commenti