• In evidenza •

Acne da mascherina : come gestirla e combatterla

  La guida pratica su come curare questo fastidioso inestetismo in attesa di tornare a sorriso scoperto Ormai tanto diffusa da aver acquisito un nome proprio : maskne , una fantasiosa  fusione tra la già fastidiosa e purtroppo conosciutissima acne e il termine mask (mascherina in lingua inglese)  . Come ben sappiamo negli ultimi due anni quest’ultima è stata inevitabile compagna di uscite al fine di proteggere noi stessi e gli altri , ma tra le altre cose non sono mancati sgradevoli effetti collaterali quali appunto la comparsa di segni , rossori , dermatiti e soprattutto brufoli localizzati nella zona da essa nascosta . L’ acne da mascherina si distingue dalla classica acne principalmente appunto per la sua collocazione , che interessa in particolare modo l’area delle guance e  del mento ( in rari casi del naso e contorno labbra ) , le quali risultano sacrificate dal presentarsi di piccoli brufoletti biancastri apparentemente più in superficie rispetto alla seconda. Essa può riguard

La moda etica e sostenibile: abbigliamento e accessori in armonia con l'ambiente

La moda cura sempre di più tutte le sue componenti, non soffermandosi solo sul lato estetico dei suoi prodotti, ma prestando anche attenzione alle dinamiche di mercato prospettando gli scenari di un commercio equo, i fashion brand inoltre usano molto spesso materie ecosostenibile e fanno attenzione affinché le loro produzioni non causino un forte impatto ambientale. 


Si parla così di moda etica in quanto si punta sulla produzione di collezioni di abbigliamento e di accessori che si basano sulla manualità della tradizione artigianale e sull’impiego di materiali prime naturali, senza però trascurare le tendenze e lo stile. La nuova filosofia del mondo della moda si evidenzia con delle creazioni ecosostenibile che non solo utilizzano materiali naturali ma impiegano anche materiali derivanti dal riciclaggio.


Diversi brand che hanno sposato la causa della moda ecosostenibile lanciano alla società il messaggio che è possibile esprimere la propria identità senza rinunciare alla ricercatezza dello stile. Tra le firma della moda che professano la loro inclinazione verso la moda etica in prima fila si colloca la stilista britannica Vivienne Westwood che dichiara nelle sue collezioni la salvaguardia climatica, la sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali ha coinvolto anche altri brand quali Zara,H&M, Nike,che si fanno promotori di impegni etici con cui vengono sponsorizzati le loro creazioni attente all’uso di materie sostenibili. Altri brand come ad esempio Marzio Fiorini, Lacre Bags e Sobral hanno scelto di presentare le loro collezioni usando come canale di diffusione l'e-shop Chic-Ethic.com che raccoglie diverse proposte di abbigliamento ed accessori che rispettano la filosofia dell’eticità della moda. Attraverso questo portale vengono presentate le ultime creazioni di numerosi brand che si caratterizzano per la certificazione sia dal punto di vista qualitativo che per quanto riguarda il controllo delle modalità produttive, nel rispetto di una moda etica ed attenta alle tematiche sociale ed ambientali e capace di limitare le spese di produzione.

Commenti