• In evidenza •

Co-ord Sets: il Trend modaiolo "matchy matchy" Jolly dell'estate

  Addio crisi di indecisione davanti allo specchio , ecco la tendenza-salvagente per un look last minute impeccabile e super Fashion! Immaginate la scena - ma senza neanche troppo sforzo , so di per certo che la cosa è ben nitida nella mente di ognuna- : assoluto panico , voi dinnanzi allo specchio , magari ancora in pigiama , in preda al " e ora che cosa mi metto ?? ". In auge già da alcuni mesi , possibilmente in lana o simili , arrivano in vostro soccorso loro , gli sfiziosissimi Co-ord Sets. Co-ord che? In soldoni si chiamano così i completi coordinati che costituiscono anzi, cavalcano letteralmente , l'onda della moda del momento , rendendoci istantaneamente pronte per uscire e facendo fiero quell'animo fashionista dentro di noi. Oltre ad essere il suo trend preferito infatti , è anche il prediletto delle ritardatarie croniche che fino all'ultimo secondo rimangono vittime in balìa dell'indecisione più nera , rimandando agli sgoccioli l'ardua scelta d

Quella mania del lavarsi sempre le mani: il disturbo ossessivo-compulsivo

Se continuate a lavarvi le mani cedendo a quello che si definisce un impulso “irrefrenabile” potrebbe costituire un sintomo del disturbo ossessivo-compulsivo, un quadro clinico caratterizzato dalla presenza di pensieri, immagini o impulsi ricorrenti (le cosiddette “ossessioni”) che generano allarme o paura e che costringono la persona a mettere in atto comportamenti ripetitivi o azioni mentali (le “compulsioni”) al fine di ridurre l’ansia indotta dalle ossessioni. Esistono diverse tipologie di disturbo ossessivo- compulsivo, in funzione del contenuto delle ossessioni e dei rituali che vengono messi in atto. Nella tipologia di “contaminazione” le persone affette da questo disturbo si preoccupano eccessivamente dello sporco e dei germi, temendo improbabili contagi o contaminazioni. Per questo motivo, una volta entrati in contatto con sostanze ritenute contaminanti, mettono in atto una serie di rituali di lavaggio, pulizia o disinfezione mirati a ridurre la possibilità di contagio. Rivolgersi a uno psicologo potrebbe consentirvi di accertare l’effettiva presenza di questo disturbo. Intraprendere una terapia (la terapia cognitivo-comportamentale costituisce il trattamento psicoterapeutico di elezione per la cura del disturbo) vi consentirebbe di ridurre gradualmente i rituali di lavaggio e di riprendere a dedicarvi a quelle attività cui avete rinunciato o ridotto in numero per l’imbarazzo o nel tentativo di evitare situazioni e stimoli potenzialmente “contaminanti”. Fate molta attenzione ai comportamenti che vi abbiamo appena descritto, un parente o un vostro amico caro potrebbe essere affetto da questo disturbo. Come in molte patologie mediche anche qui la diagnosi precoce è di fondamentale importanza per curare al meglio e più efficacemente il disturbo. 

Commenti