• In evidenza •

ELISABETTA FRANCHI: "Le più belle creazioni"

Elisabetta Franchi stupisce il suo pubblico con capi d'abbigliamento davvero sorprendenti! Festeggiamo insieme i suoi primi 20 anni di Moda.

Elisabetta Franchi ha creato per la stagione fredda una collezione davvero unica nel suo genere. Petrolio, Ocra, OmbrettoRosso e Glitter i colori principali. Scopriamo insieme le bellissime creazioni proposte per la stagione Autunno/Inverno 2018-19.

PETROLIO
Questo accostamento di colori ricorda molto le sfumature marine, per la perfetta Sirena moderna. Dal chiaro verde menta al Tiffany per arrivare al profondo Petrolio, protagonista indiscusso di tutta l'intera collezione! Questo colore sta bene su tutte le carnagioni e colore di capelli. Illumina il viso e da maggiore carattere al proprio look!

OCRA
Ocra, colore che molte donne snobbano o guardano con dubbio. Di gran moda da ormai 2 anni, è un tono molto particolare. Non è per tutte le donne, in poche portano con disinvoltura una cromia del genere. E voi...siete temerarie?
ROSSO
Intramontabil…

Quella mania del lavarsi sempre le mani: il disturbo ossessivo-compulsivo

Se continuate a lavarvi le mani cedendo a quello che si definisce un impulso “irrefrenabile” potrebbe costituire un sintomo del disturbo ossessivo-compulsivo, un quadro clinico caratterizzato dalla presenza di pensieri, immagini o impulsi ricorrenti (le cosiddette “ossessioni”) che generano allarme o paura e che costringono la persona a mettere in atto comportamenti ripetitivi o azioni mentali (le “compulsioni”) al fine di ridurre l’ansia indotta dalle ossessioni. Esistono diverse tipologie di disturbo ossessivo- compulsivo, in funzione del contenuto delle ossessioni e dei rituali che vengono messi in atto. Nella tipologia di “contaminazione” le persone affette da questo disturbo si preoccupano eccessivamente dello sporco e dei germi, temendo improbabili contagi o contaminazioni. Per questo motivo, una volta entrati in contatto con sostanze ritenute contaminanti, mettono in atto una serie di rituali di lavaggio, pulizia o disinfezione mirati a ridurre la possibilità di contagio. Rivolgersi a uno psicologo potrebbe consentirvi di accertare l’effettiva presenza di questo disturbo. Intraprendere una terapia (la terapia cognitivo-comportamentale costituisce il trattamento psicoterapeutico di elezione per la cura del disturbo) vi consentirebbe di ridurre gradualmente i rituali di lavaggio e di riprendere a dedicarvi a quelle attività cui avete rinunciato o ridotto in numero per l’imbarazzo o nel tentativo di evitare situazioni e stimoli potenzialmente “contaminanti”. Fate molta attenzione ai comportamenti che vi abbiamo appena descritto, un parente o un vostro amico caro potrebbe essere affetto da questo disturbo. Come in molte patologie mediche anche qui la diagnosi precoce è di fondamentale importanza per curare al meglio e più efficacemente il disturbo. 

Commenti