Must have autunno-inverno 2013/2014: scopri tutte le tendenze moda


Con l’autunno alle porte non possiamo non essere curiose degl'ultimi trend stagionali e dei must have, che nel nostro armadio non possono mancare.
A non lasciarci per la stagione fredda è il bianco, latte, neon o sporco, il “non colore” investe il total look senza tralasciare borse, scarpe e occhiali.

A non farselo mancare  è Valentino Garavani, nella sua collezione donna Prêt-à-porter.

Per la collezione di scarpe di Melissa, che negli anni precedenti abbiamo visto collaborare con i grandi della moda come Vivienne Westwood, quest’anno tocca nientemeno che a Karl Lagerfeld. Bianche saranno scarpe col tacco e ballerine rigorosamente a punta e borchiate.





Ritroveremo il blu elettrico e il rosso fiammante, colori già visti, ma che si ripropongono ancora nelle collezioni di Cèline e Dolce&Gabbana.

Per quanto riguarda le fantasie non può mancare il classico “tartan” che si reinventa in divertenti e sfiziosi accessori, il "pied-de-poule" e quasi da nostalgia alla stagione appena conclusa il "floreale". Felpe, mini-dress e borse, tutte sembrano rievocare la stagione estiva, come nella collezione di Dolce&Gabbana.


Una grande new entry è  l’arte bizantina che coi suoi ori e artifici ha ispirato le collezioni contrapponendosi all’austerità invernale.
Borse, scarpe, gioielli sfarzosi e abbaglianti che richiamano un’antica età aurea.


Se siete amanti delle pellicce è arrivato il momento di sbizzarirvi pur rimanendo in toni Black&white o se si vuole esagerare nei colori più accesi (rosso,blu,verde,giallo).
Scarpe e stivaletti che richiamano un po’ Crudelia De Mon un po’ dive lontane nel tempo.

Maxi bag in coccodrillo dai colori più improbabili, guanti in pelle e pelliccia, flat con pietre incastonate, occhiali da sole dalle forme e materiali più disparati, gioielli dal design antico e sfarzoso fanno della nuova stagione un tripudio di idee e fantasia.
E per chi non volesse parteciparvi, l’austerità dell’immancabile nero, sovrano assoluto da sempre della stagione fredda .

    









Antonella Ciciriello

Commenti