• In evidenza •

SKINCARE: "Aquacious Collection Creme" MESAUDA

  Lo step imprescindibile per realizzare un make-up impeccabile è la skin care. Per la vostra beauty routine è bene utilizzare prodotti di qualità, perché un’ottima base garantisce anche una lunga durata del trucco. Scopriamo insieme questa nuova linea, ricca e super idratante per rigenerare la nostra pelle! CITY PROOF CREAM Una crema giorno nutriente ma leggera, grazie alla miscela di efficaci principi attivi, assicura una perfetta azione idratante. Protegge l’epidermide dalle aggressioni esterne, rendendola morbida, elastica e resistente, contrastando così la formazione delle piccole rughe causate dalla disidratazione. Indicata per pelli normali e secche. Ideale come base trucco, data la sua formulazione! CREAM COCOON Una crema notte ricca e compatta, fondente, altamente nutriente, apporta tutti i benefici di cui la pelle ha bisogno. Avvolge l’epidermide come un velo sottile, per proteggerla e renderla più resistente alle aggressioni esterne.  Applicare una piccola quantità di crema

Kate Upton sulla cover di Vanity Fair per celebrare il 100esimo anno della rivista


In Italia, Vanity Fair ha appena festeggiato i suoi 10 anni, ma negli USA quest'anno sono 100 le candeline da spegnere per la celebre rivista. Vanity Fair festeggia l'ambito traguardo mostrando sulla  copertina di Ottobre la giovane modella Kate Upton. 
La bellissima modella Kate, eletta top per l'anno 2013, regge in una mano una torta con una candellina accesa, indossa un body di raso avorio che mette in risalto il suo generoso decollete. Capelli biondi con morbidi boccoli lasciati cadere sulle spalle, rossetto rosso, sguardo intenso e due preziosi orecchini di diamanti ai lobi. La provocante Kate celebra il primo secolo della rivista  e ammalia tutti, ricordando per un giorno l'icona di bellezza e sensualità Marilyn Monroe. 
"In un'epoca dove nulla sembra durare, non certo le convinzioni e perfino le citta', un centenario come quello di Vanity Fair fa meravigliare del semplice concetto della longevita'", ha commentato il direttore della rivista Graydon Carter: "I magazine hanno ossa, gli immutabili elementi che danno struttura alla creativita'. Oggi Vanity Fair e' diversa da come era allora, ma sono certo che se il suo primo direttore Frank Crowninshield potesse vedere questo numero ci troverebbe un Dna comune. Saprebbe subito quel che ha per le mani".

Altre news di moda qui.

Commenti