• In evidenza •

HAPPY POST: "Dimostrazioni di affetto ai tempi del Coronavirus"

Il Coronavirus ha avvicinato e allontanato le persone, al tempo stesso. Non parliamo della lontananza forzata, bensì la lontananza emotiva. In queste settimane si ha avuto la possibilità di vedere le persone in una nuova luce, mostrando la loro vera essenza. L'unico strumento utile: il cellulare. Finalmente si è dato risalto a questo strumento tanto odiato e screditato. Sarà capitato a tutti di pensare ad un'amica che pensavamo molto vicina a noi, scrivere poco oppure rispondere solo se interpellata...o per nulla. E magari rivalutare amici o parenti che normalmente sentivamo poco.  In questo momento triste vorremmo ricevere amore e calore umano dalle persone che fanno parte della nostra vita.  Si fanno videochiamate ogni giorno per parlare con i propri genitori, migliori amiche, amiche, conoscenti, zii, cugini e parenti.  Quante di voi hanno ricevuto telefonate o videochiamate? Ma la vera domanda è chi vi ha deluso di più? Chi vi ha dato poca considerazione, nonostante un legame str…

Un ricevimento di matrimonio molto "social"

La lista degli invitati è finalmente chiusa e, con un po' di impegno, siete riusciti ad assegnare a ognuno il posto giusto stando attenti a non creare incidenti diplomatici fra parenti che non si vedono di buon occhio. Ora, arriva il bello: è il momento di scegliere i nomi per i tavoli. Ricordo ancora con simpatia l’idea di una coppia che lavorava in banca: la loro preferenza era andata ai cambi di valuta, ai valori in Borsa e agli investimenti. Due innamorati molto romantici hanno avuto l’idea di dare un’età a ciascun tavolo (1 anno, 2 anni, 3 anni) e associare a ognuno una loro foto da bambini: il risultato è stato davvero tenero. Gli amanti dei social network possono dividere i gruppi in amici d’infanzia, colleghi di lavoro o persone conosciute su Facebook. Insomma, il consiglio per tutti è trovare un leitmotiv (una passione condivisa o il luogo dove ci si è conosciuti) e cercare di adeguare l’etichetta agli invitati. Se ci si è innamorati a Parigi, si sceglieranno i nomi delle strade e i colleghi d’ufficio saranno al tavolo Rue de l’industrie. Presa la decisione, non resta che preparare il tableau de mariage: anche quelli fatti in casa possono essere chic con pochi accorgimenti. Basta che siano semplici, in colori tenui e su supporto rigido così da non rovinarsi. Una cornice antica o un cavalletto da pittore daranno il tocco finale. Se poi siete a caccia di ispirazione fate un tuffo in Rete, basta scrivere “tableau de mariage” per vedere tantissimi esempi e trovare quello giusto per voi.


Commenti