• In evidenza •

DIETA Last-Minute ESTATE 2018

"In questo articolo si parla di diete lampo indicate per la perdita di un paio di chili. La dieta last minute va seguita per non più di tre settimane consecutive. L'apporto calorico giornaliero è compreso, mediamente, tra le 1.000 e le 1.300 calorie. Per seguire una vera e propria dieta è ASSOLUTAMENTE obbligatorio andare da un Dietologo o Nutrizionista. Diffidate da diete miracolose che fanno perdere 10 chili in 1 mese"

Dovete smaltire 2-4 chili di troppo nel giro di poco tempo? Allora serve una dieta last minute, veloce ed efficace. Insomma, una dieta dell'ultimo minuto che aiuti a disintossicarsi da abbuffate ed eccessivi strappi alle regole. Non solo i ritmi quotidiani, ma anche la dieta per molti deve essere"fast", cioè rapida e quasi indolore. Niente di troppo esagerato, però. Le privazioni eccessive e i regimi dietetici squilibrati, infatti, non sono mai salutari. Poche calorie e pasti leggeri vanno bene, purché il regime alimentare sia vario e ricco …

Celiachia, i rischi per le donne

Di lei ormai sappiamo quasi tutto: che si scopre con un prelievo di sangue, che si cura con la dieta, che può colpire chiunque, senza distinzione di razza o età. Eppure c’è un aspetto della celiachia che ancora oggi non è indagato abbastanza: le sue ripercussioni sulla salute, quando la diagnosi tarda ad arrivare. I casi accertati aumentano del 10% ogni anno: segno che la malattia è riconosciuta. Ma non è sufficiente. Oltre ai 135 mila celiaci diagnosticati, si suppone che ce ne siano almeno altri 465 mila che ancora non sanno di esserlo. Molti di loro sono donne: come tutte le malattie autoimmuni, la celiachia predigilige il sesso femminile, colpito con una frequenza più che doppia rispetto agli uomini. Il consumo di glutine nella persona celiaca altera il contenuto di calcio nelle ossa, rendendole fragili e più soggette a fratture. Un’altra condizione frequente è l’anemia, derivante dal cattivo assorbimento intestinale di ferro: provoca debolezza persistente, affaticamento, riduzione delle performance quotidiane. La celiachia non diagnosticata può portare anche allo sviluppo di altre malattie autoimmuni: come il diabete. Anche se rara, esiste una dermatite, chiamata erpetiforme o celiachia della pelle, che si manifesta con la comparsa di bollicine, le quali oltre a rovinar l'aspetto della pelle scatenano un forte prurito. L’intimità è compromessa da uno stato di stanchezza generale, accompagnato da calo del desiderio e da dolore durante i rapporti. La flora intestinale risulta alterata: i batteri passano attraverso la parete dell’intestino, vengono assorbiti per via linfatica e attaccano l’apparato urinario e genitale, provocando infiammazioni e infezioni, che rendono meno piacevole la vita sotto le lenzuola. I disturbi legati al glutine possono ridurre la capacità di assorbimento dei farmaci, compresa la pillola contraccettiva. I metodi per via vaginale, come l’anello, possono dare problemi a causa di irritazione e perdite. Prestiamo quindi la massima attenzione, la diagnosi precoce può evitare tutte queste spiacevoli problematiche. 

Commenti