• In evidenza •

HAPPY POST: "Imparare una nuova lingua"

Una ottima cosa da fare per passare il tempo, in particolare se si lavora nel campo delle vendite o della ristorazione, è quella di imparare una nuova lingua. Oltre ad essere una magnifica idea per la propria cultura personale e/o scolastica. Naturalmente si tratta di imparare le basi di una nuova lingua, come fosse una sfida. In un mese riuscireste ad apprendere una lingua straniera, con il solo aiuto di un App, schede on-line o traducendo semplicemente le canzoni? Per studiare una nuova lingua sono necessarie dedizione e costanza, questo è sicuro: per fare pratica ed esercitarsi è sufficiente ottimizzare i ritagli di tempo e cogliere al volo tutte le occasioni. Seguite i nostri consigli per assimilare velocemente una nuova lingua.


TRADURRE CANZONI
Per esperienza personale, è la prima cosa da fare. Scegliere una lingua e cercare delle canzoni che si conoscono e poi tradurle.  I testi delle canzoni sono un’enorme miniera di vocaboli ed espressioni da memorizzare a tempo di musica. La passio…

Collezione borse Pomikaki Tokyo: Super stile con piccoli prezzi

Per le appassionate di borse, la Birkin di Hermes, la tracollina Chanel o le classiche Louis Vuitton o Gucci rappresentano un mito e in molti casi un sogno irraggiungibile soprattutto per i costi poco contenuti di questi gioiellini. Evitate di rimediare alla mancanza buttandovi sui falsi manufatti, una tendenza molto ingegnosa e divertente è stata trovata da Pomikaki Tokyo, brand giovane che prendendo spunto dalle it bag delle ultime stagioni ha dato vita ad una collezione di borse dai prezzi accessibili e di qualità notevole. Il motto dell’azienda è quello di “non credere alle apparenze”: partendo dall’idea delle bags più famose e grazie ad una grafica innovativa e di alta precisione, le borse Pomikaki riprendono le immagini delle celebri sorelle di lusso riproponendole graficamente su tessuti di qualità, modelli originali e tinte alla moda. Le borse hanno nomi di donna che ricordano perfettamente il modello d’ispirazione: c’è la borsa Pomikaki Falabella, ispirata alla Falabella Stella McCartney, prevista sia nella versione tinta unita che nello stampato militare o animalier e munita, come l’originale, di catena oltre all’immancabile foulard azzurro, simbolo dell’azienda milanese. Anche la stampa matelassé Chanel ispira la collezione 2013: nasce così la 2.55 Pomikaky, in versione grande e piccola, arricchita da borchie dorate e manico a catena, oppure nella versione più semplice, prevista in diverse tonalità. Immancabile il tributo alla Birkin di Hermes: il design ricorda molto l’originale, lo stampato è divertente e ironico e il prezzo, come le altre bags, è molto contenuto. Tutte le Pomikaki bags infatti si caratterizzano per i prezzi accessibili, eccessivamente ridotti se pensiamo a quelle dei più noti stilisti: si va dai 98 euro della Pomikaki Bottega Veneta, col mitico intrecciato, ai 149 per la Birkin, le Chanel variano dai 65 ai 89 euro. Quest’anno poi c’è una novità: è nata MIA , la shopping Pomikaki in canvas con manico rigido e charms che può essere personalizzata con le nostre iniziali. Sul sito ufficiale è possibile ordinarle on line o informarsi sui rivenditori presenti in zona.


Video close


Commenti

Posta un commento