• In evidenza •

Acne da mascherina : come gestirla e combatterla

  La guida pratica su come curare questo fastidioso inestetismo in attesa di tornare a sorriso scoperto Ormai tanto diffusa da aver acquisito un nome proprio : maskne , una fantasiosa  fusione tra la già fastidiosa e purtroppo conosciutissima acne e il termine mask (mascherina in lingua inglese)  . Come ben sappiamo negli ultimi due anni quest’ultima è stata inevitabile compagna di uscite al fine di proteggere noi stessi e gli altri , ma tra le altre cose non sono mancati sgradevoli effetti collaterali quali appunto la comparsa di segni , rossori , dermatiti e soprattutto brufoli localizzati nella zona da essa nascosta . L’ acne da mascherina si distingue dalla classica acne principalmente appunto per la sua collocazione , che interessa in particolare modo l’area delle guance e  del mento ( in rari casi del naso e contorno labbra ) , le quali risultano sacrificate dal presentarsi di piccoli brufoletti biancastri apparentemente più in superficie rispetto alla seconda. Essa può riguard

Denti gialli e macchiati: come sbiancare

Come sbiancare i denti

Torniamo a parlare dei denti e di come tenerli sempre il più bianchi e sani possibile. In un altro post abbiamo parlato di alcuni alimenti che favoriscono il bianco naturale dei denti.http://ideebeauty.blogspot.com/2009/07/per-denti-piu-bianchi.html Oggi parliamo di altri rimedi e consigli.
  1. Come alcuni di voi sapranno si può utilizzare il perossido di carbamide. Ma innanzittutto bisogna controllare il colore dei denti. Il perossido di carbamide è un trattamento sbiancante che non funziona per tutti. Per capire se sei un candidato, metti un pezzo di carta bianca vicino alla bocca. Se i vostri denti sembrano gialli, il trattamento funzionerà altrimenti se vanno verso il grigio no.
  2. I sistemi di sbiancamento at-home che utilizzano perossido sono altrettanto efficaci, ma non così veloci come il trattamento professionale che combinano il perossido con il laser.
  3. Preparare i denti. Prima di essere sottoposti a trattamenti sbiancanti, i denti devono essere più puliti possibile. Fatelo subito dopo una pulizia dal dentista, in modo che il perossido è a diretto contatto con lo smalto e non con la placca.
  4. Lavarsi i denti con un dentifricio sbiancante aiuta a prevenire le nuove macchie.
  5. Evitare liquidi scuri come il caffè nero o il vino rosso, ci vogliono 30 secondi perchè il pigmento penetri, quindi l'acqua può anche lavarlo via ma chiaramente bisogna sciacquare i denti con acqua subito. L'aggiunta di latte al caffè può aiutare come anche mangiare cibi ad alto contenuto di cellulosa, come le carote, il sedano e cavoli.
Le nostre nonne usavano elementi naturali per sbiancarsi i denti, come la buccia di limone o il bicarbonato da cucina sfregati sui denti.
Attenzione però: nonostante queste sostanze abbiano un effetto sbiancante limitato sono dannose per lo smalto in quanto acide (buccia di limone) e abrasive (bicarbonato), per cui per chi utilizza ancora questi metodi se ne consiglia l'uso al massimo 1 - 2 volte al mese per evitare di abradere lo smalto e di fare diventare sensibili e opachi i denti.



Commenti