• In evidenza •

CLEO GLOW MAKEUP: Trucco Luminoso Estate 2018

CLEO GLOW MAKE-UP Trucco luminoso ed intenso, degno di una Regina
Brillate e fate risplendere il vostro viso di luce. Per quest'estate il Glow MakeUp la fa da padrone. Come la Regina Cleopatra, le moderne "Gold Girls" illumineranno il viso. Dorate sfumature regaleranno nuova vita al solito e banale trucco di tutti i giorni.  Con piccoli accorgimenti potrete rendere più Glow il vostro makeup, nonostante le alte temperature.

Glowing make up: la tendenza domina l'Estate 2018, con nuove interpretazioni che fondono basi iper luminose, highlights realizzati con la tecnica dello strobing e accenti perlescenti sugli occhi e sulle labbra. L'incarnato è il grande protagonista a tutta luce, complici fondotinta dalle formule satinate e dalla texture leggera, arricchita con particelle riflettenti, che uniformano la pelle e ne valorizzano il naturale splendore. Ivolumidel volto sono accentuati con tocchi sapienti dihighlighter, applicato con latecnica dello strobingsu zigomi, tempi…

I problemi della pelle

Consigli di Bellezza

Care lettrici di Idee Beauty dopo una breve assenza rieccoci con la nostra rubrica di bellezza. Oggi voglio affrontare una tematica che penso stia a cuore un pò a tutte ed è quella che riguarda la nostra pelle. Come tutti sappiamo il panorama dei problemi di pelle è quanto mai vasto e diversificato. Conosco una persona che è afflitta da problemi di couperose.

Cos’è la couperose? Si tratta di un fastidioso inestetismo cutaneo che comporta la comparsa di capillari visibili sul volto e rossori.. Per questa patologia possono aiutare creme lenitive e idratanti che aiutano a tenere sotto controllo il problema specie quando questo si presenta nella sua fase sorgiva e si tratta di rossori provvisori ma sicuramente non lo risolvono quando sono presenti veri e propri capillari e il soggetto presenta una couperose diciamo “conclamata”.

A quel punto mi sento di consigliare di affidarsi con fiducia al dermatologo che è poi il medico specializzato per i vari problemi di pelle e sottoporsi ad un ciclo di 5-6 sedute di laser che può molto aiutare nell’eliminazione di questo fastidioso inestetismo.

Venendo all’acne che nonostante i mille rimedi continua ad essere molto diffusa nei giovani, ormai si può dire che la maggior parte delle ricerche hanno confermato che il fattore alimentare è escluso o comunque marginale, più che altro può contribuire a peggiorare una situazione già consolidata di acne. Il fattore che scatena l’acne non si è ancora del tutto identificato, possiamo dire si tratta di una serie di coelementi.

Sicuramente influisce l’età giovane, la predisposizione delle pelli grasse che sono più facilmente soggette alla comparsa di brufoli per le loro caratteristiche fisiche e l’eccessiva produzione di sebo dovuta alle ghiandole sebacee che secernono più sebo del dovuto. Si potrebbe dire che c’è un mal funzionamento di queste ghiandole..Le varie creme, lozioni e detergenti cercano di agire su questo problema limitando la comparsa di ulteriori pustole, aiutando a guarire quelle già presenti.

Ci sono vari tipi di creme, quelle a base di retinoidi, a base di tretinoina e isotretinoina, che sono abbastanza efficaci per un’acne di tipo comedonico, vi sono poi quelle a base di benzoil perossido anche esse efficaci da abbinare casomai con le prime o almeno spesso questa è una possibile scelta dei dermatologi. Vi sono poi quelle con antibiotico per i casi infiammatori, ad esempio la clindamicina.

Nei casi più gravi si aggiunge anche un antibiotico per via orale. Nei casi resistenti si procede come ultima chance dopo il tentativo della pillola anticoncezionale per le donne(vedi Diane), all’isotretinoina per via orale, tanto demonizzata forse per un pizzico di ignoranza e prevenzione e sconsigliata perfino da numerosi dermatologi ma che in alcuni casi può essere l’unica soluzione possibile e definitiva per un problema che affligge tanti giovani e ormai anche adulti. Inoltre la cura se fatta sotto stretto controllo medico non dico che sia innocua ma sicuramente presenta meno effetti collaterali.

Questa cura a differenza delle creme contribuisce a ridurre significativamente il volume delle ghiandole sebacee che appaiono “ristrette” e si normalizzano non producendo più le quantità di sebo che la pelle produceva prima. La pelle non è più lucida, i pori sono ristretti, i brufoli gradualmente scompaiono e non riappaiono più. Anche la qualità dei capelli appare diversa, anche essi infatti non appaiono più grassi ma al contrario si normalizzano. La cura dura in genere alcuni mesi anche un anno ma dovrebbe di definitiva risoluzione del problema nel 70 % dei casi. Per vedere se questa cura può fare al caso vostro vi rimando al parere dell’esperto dermatologo che saprà sicuramente indicarvi la strada migliore per il vostro caso. Ovviamente questa soluzione verrà suggerita dallo specialista dermatologo solo nei casi più gravi e resistenti, negli altri casi una buona crema per uso topico e alcuni accorgimenti porteranno ad un ottimo risultato. Ci tengo a precisare che questo articolo non vuole avere certamente la presunzione di sostituirsi al ruolo fondamentale dello specialista, solo rivolgendovi ad un medico competente avrete la migliore risposta al vostro problema di pelle. Nel prossimo articolo ci occuperemo di qualche rimedio "naturale" per migliorare e tenere sotto controllo i problemi della nostra pelle.


Commenti